La Civetta (Virgilio Mazzocchi)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
File details.gif File details
Question.gif Help
  • CPDL #11382:  IMSLP1.png
Editor: Jolando Scarpa (submitted 2006-04-03).   Score information: A4, 29 pages, 407 kB   Copyright: Personal
Edition notes:

General Information

Title: La Civetta
Composer: Virgilio Mazzocchi

Number of voices: 4vv   Voicings: SSSS or 4 equal voices
Genre: SecularCantata

Language: Italian
Instruments: Basso continuo

Published:

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Più tranquilli e meno ardenti
Ecco a noi tornano i dì.
Sono homai gli strali spenti
Onde i campi il Sol feri.
A sgombrare i pensier foschi sù Compagni
A i boschi, alle Campagne.

Chi di Cintia diletti di seguitare è vago
Rendere il pensier pago
hoggi può frà boschetti
Se far preda à lui piaccia.
Alla Caccia, alla Caccia,
Turbare ogni lido
Sarà nostro piacere
La tana delle fere,
- De gl’augelletti il nido,
- Nò, gl’augelli nò
- Nò, nò le fere nò.
Chi brama di godere
Rivolga il passo in questi prati e i quelli.
Alle fiere, alle fiere,
Alli augelli, alli augelli.

- E chi è che non brami
Mi le fere seguir nel Bosco ombroso?
- Quei che brama il riposo
- Ma chi è, che trà rami non goda
A gl’augelletti i lacci ordire?
- Quei ch’hà in preggio l’ardire.
- Troppo è chiara follia,
ò paragone ingiusto
di chiunque non faccia inferiore
à questa ogn’altra Caccia.
Pallade che hà ben gusto
Poi che un giorno invitata da Diana
Videte si bel diporto presso à certa fontana
D’altro non si diletta
Et hà per favorita la Civetta.
Voi stessi non sapete quanto gusto prendete.
L’Estate à l’ombra e’l Verno
Appresso il foco
à far tall’hor della Civetta il Gioco?
- E vero
- Et io nol niego
- Donque insieme vi prego
Cacsiatori famosi che cosi in fretta
Facciamo una partita alla Civetta.
- Non ricuso l’invito
In questo luogo ecco mi pongo
E s’incominci il Gioco.
- Io qual Giudice intanto mirerò
Chi di voi habbia nel far alla Civetta il vanto.

- Giocham un poco, giocham sù che si bel gioco val un Perù
- S’io ti percoto ch’il sentirà
- Il colpo à volte se n’andrà
- Hor si t’ho colto non dir di nò
- Ma già nel volto non mi toccò
- Ch’i s’assicura ci resterà
Non ho paura in verità
- Se m’hai burlato t’arrivo hor tò
- Tu non m’hai colto, nò
- Per questa volta non mi riusci
- Tu non l’hai colta
- Sì, sì, sì, sì
- Senti l’invito ch’io ti farò
T’hò pur chiarito
- Non no, no, no
- Ci son caduto scusa non c’è
- Hor ch’hai perduto toccherà à mè
Bella Civetta ogn’un non fà
- Non vi si metta chi far non sà
- O quante prede ch’io feci un dì
- Già non succede sempre così
- Se à te ne riedo il vedrai.
Tu m’accosto è fiero poi torno più
- Se vuoi giocare tie fermo il piè
- Fà giudicare nol movo à fè
- Anch’io t l’ giuro nol move
No stà pur sicuro ch’io te l’ dirò
- Ho ben inteso coma la và
- Chi resta preso se n’avedrà
Tanto s’è fatto che cadde giù
- Vedremo un tratto chi ne sà più
- E ben ragione ch’or tocchi à mè
- Con dicrettione se pur ce n’è
E come presto per te fini
- Non dico questo non và così
Fuori di tempo andò, ditel Signori
- Chi l’osservò
- Havete il torto credete à me
- Io lo sopporto se così è
- Vi parà strano s’io fò così
- Bussate piano perch’io son qui
- Io m’indovino ch’hor caderà
- Chi non vuol fare mi lasci quì
Già questo spasso lungo omai fù
- Se tù sei lasso non facciam più.

Habbia il ver pur il suo loco
d’ogni Caccia, d’ogni gioco
Più diletta la Civetta.
Questa si vale un tesoro
Però porta negl’occhi i scudi d’oro.