Cessate, omai cessate, RV 684 (Antonio Vivaldi)

From ChoralWiki
Jump to: navigation, search

Music files

L E G E N D Disclaimer How to download
ICON SOURCE
File details.gif File details
Question.gif Help
  • CPDL #06525:  IMSLP1.png
Editor: Luigi Cataldi (submitted 2004-01-16).   Score information: A4, 49 pages, 466 kB   Copyright: Personal
Edition notes: full score and individual parts also available.

General Information

Title: Cessate, omai cessate, RV 684
Composer: Antonio Vivaldi

Number of voices: 1v   Voicing: Alto solo
Genre: SecularCantata

Language: Italian
Instruments: String ensemble, basso continuo

First published:

Description:

External websites:

Original text and translations

Italian.png Italian text

Recitativo:
Cessate, omai cessate
rimembranze crudeli d'un affetto tiranno;
già barbare e spietate mi cangiaste
i contenti in un immenso affanno.
Cessate, omai cessate
di lacerarmi il petto,
di trafiggermi l'alma,
di toglier al mio cor riposo e calma.
Povero core afflitto e abbandonato,
se ti toglie la pace un affetto tiranno,
perché un volto spietato,
un'alma infida la sola
crudeltà pasce ed annida.

Aria:
Ah, ch'infelice sempre
mi vuol Dorilla ingrata,
ah, sempre più spietata
m'astringe a lagrimar.
Per me non v'è ristoro,
per me non v'è più spene.
E il fier martoro e le mie pene,
solo la morte può consolar.

À voi dunque, ricorro orridi specchi,
taciturni orrori, solitari ritiri,
ed, ombre amiche, trà voi
porto il mio duolo,
perchè spero dà voi quella pietate,
che'n Dorilla inhumana non annida.
Vengo, spelonche amate,
vengo specchi graditi, affine meco involto
il mio tormento in voi resti sepolto.

Nell'orrido albergo, ricetto di pene,
Potrò il mio tormento sfogare contento,
Potrò ad alta voce chiamare spietata
Dorilla l'ingrata, morire potrò.

Nell'orrido albergo, ricetto di pene,
Potrò il mio tormento sfogare contento,
Potrò ad alta voce chiamare spietata
Dorilla l'ingrata, morire potrò.

Andrò d'Acheronte sù la nera sponda,
Tingendo quest'onda di sangue innocente
Gridando vendetta farò,
Ed ombra baccante vendetta farò.